Category

Attività dei Chapter

TTIP, quali opportunità per il sistema Italia?

By | Attività dei Chapter, Conferenze e Seminari

Console Usa Rup a Convegno TTIPLa trattativa per creare un Trattato per il commercio e gli investimenti tra Europa e Stati Uniti (TTIP) è da mesi uno dei temi più caldi dell’agenda europea. Gli studi ufficiali parlano di possibili ricadute positive annue quando l’intesa sarà a regime: 120 miliardi di euro per l’Europa e 95 miliardi di euro per l’America. Se i negoziati in corso sfociassero in un accordo il “regalo” che arriverebbe – anche in Italia – per ogni famiglia europea di quattro persone sarebbe di un aumento del reddito disponibile annuo di 545 euro. A dirlo è un voluminoso studio realizzato dal Centro studi e ricerche economiche di Londra per conto della Commissione Ue, che ci offre qualche altro dato significativo:  ogni anno Unione Europea ed Usa  scambiano tra loro beni, servizi e investimenti per circa mille miliardi di dollari. Nel complesso, l’area che comprende gli Stati Uniti e i Paesi dell’Unione europea produce il 60% del PIL mondiale, contribuisce per il 33% al commercio mondiale di beni e per il 42% a quello dei servizi.  Da quando – nel semestre europeo presieduto dal premier Renzi – la trattativa dalle stanze segrete è diventata pubblica, il TTIP sta incontrando crescenti resistenze, soprattutto da parte di Organizzazioni non governative e della cosiddetta società civile. Appare dunque urgente approfondire la discussione, per offrire una valutazione attenta e ragionata su benefici e costi potenziali dell’accordo transatlantico, che ha come obiettivo primario quello di integrare i due mercati, riducendo i dazi doganali e migliorando le condizioni per il flusso degli investimenti. Per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica, la CGIL Toscana, l’Istituto per le Ricerche Economiche e Sociali( IRES)  e l’Associazione Amerigo (rappresentata dal charter fiorentino Michele Ricceri e da numerosi soci) hanno organizzato a Firenze, nel salone Rizzotto di via Capponi,  un seminario per imprenditori, sindacalisti ed altri numerosi operatori interessati alla materia, con tre autorevoli relatori: il prof. Mario Deaglio dell’Università di Torino, uno dei maggiori esperti italiani del mercato globale, l’economista prof. Mauro Lombardi dell’ateneo fiorentino ed il Direttore dell’ Irpet,  Stefano Casini Benvenuti, intervistati dal giornalista Antonio Lovascio.

Sull’opportunità di affrontare il tema TTIP senza pregiudizi e con la massima trasparenza hanno insistito in apertura dei lavori il console generale Usa a Firenze signora Abigail M. Rupp, ed il segretario regionale della CGIL Alessio Gramolati, il quale ha annunciato il prossimo incontro di una delegazione con la Dgb in Germania, mentre l’8 aprile ci sarà un confronto a Firenze con il sindacato greco. Il dibattito, concluso dall’assessore regionale Sonia Nocentini, è stato introdotto dal professor Deaglio. Con il supporto di slides ha tracciato un inquadramento generale del Trattato, analizzandone le origini, i vantaggi, le criticità, le paure che stanno emergendo in Europa, ed anche i possibili scenari. Tutto dipenderà dal prossimo appuntamento di aprile a Washington quando le delegazioni torneranno a riunirsi. Se ci sarà un passo in avanti , è previsto un nuovo appuntamento a luglio. A questo punto potrebbe prendere forma l’Accordo, altrimenti tutto sarà rinviato a quando sarà eletto il successore di Obama.  Il professor Lombardi ha poi esaminato in dettaglio gli orientamenti e gli interessi dei vari Paesi europei, indicando quelli che sarebbero più avvantaggiati  e penalizzati dall’accordo ed in quali settori produttivi; i contrasti che stanno emergendo anche in Italia.

Il direttore dell’IRPET professor Stefano Casini Benvenuti si è invece soffermato sulle ricadute del TTIP sulla Toscana, una regione già fortemente proiettata sul mercato statunitense, che quindi dovrebbe trarre vantaggi da ulteriore questa apertura: <Sappiamo che le condizioni sono ancora molto incerte – ha detto Casini – non è facile quantificarli. Sapendo che il mercato Usa rappresenta per la Toscana il 10% dell’export, concentrato in molti settori, se valgono tutte le previsioni positive, questa operazione potrebbe portare un aumento del Pil intorno all’1% con tutte le norme a regime. Quindi un vantaggio superiore a quello italiano che tutti misurano intorno allo 0,7% – 0,8%> .

Ancora non è chiaro se e come verrà fatto il Trattato commerciale Europa-Usa, ma se fosse vero che il TTIP tende a uniformare sulla qualità più bassa, alcuni produttori toscani che fanno dell’alta qualità un’arma vincente potrebbero essere danneggiati. Questo è un punto interrogativo al quale potranno venire risposte solo dalle trattative dei prossimi mesi.

Presentazione Fulbright alla Cattolica di Milano

By | Attività dei Chapter, Conferenze e Seminari

FulbrightIl 10 novembre  si è tenuto presso l’Università Cattolica di Milano un incontro di presentazione delle opportunità di studio, ricerca e insegnamento offerte dal Programma Fulbright. All’evento, promosso dalla Commissione per gli scambi Culturali tra l’Italia e gli Stati Uniti (Commissione Fulbright) hanno partecipato la Prof.ssa Federica Olivares, membro del Board della Commissione e Docente presso l’Università Cattolica, la Dott.ssa Paola Sartorio, Executive Director della Commissione e il Dott. Sandro Zinani, Educational Advisor della Commissione.

Durante la mattinata sono state esposte le caratteristiche del Programma, le opportunità e i tipi di borse offerte, nonché le procedure e le scadenze. L’incontro è stato scandito dalla testimonianza di alcuni ex-borsisti, tra cui il coordinatore nazionale del Chapter Fulbright di Amerigo, Dott. Matteo Marzi, relativamente alla loro esperienza negli Stati Uniti. Per tutti è emerso che l’esperienza negli Stati Uniti ha fortemente caratterizzato i propri percorsi personali e professionali, arricchendo in modo positivo e per sempre le proprie esistenze.

E’ seguita una tavola rotonda alla quale hanno partecipato la Prof.ssa Daniela Parisi, Docente dell’Università Cattolica, il Dott. Enrico Cucchiani, Founding Partner e Ceo TGI, Londra e Former Ceo di Intesa Sanpaolo e il Dott. Renato Panesi, Fulbright BEST e fondatore della start-up D-Orbit.

Il dibattito che ne è seguito ha dimostrato che nonostante i grandi cambiamenti che le nostre società stanno attraversando, la maggior interconnessione e disponibilità di informazioni, il Programma Fulbright mantiene intatta la sua validità. Nulla infatti può eguagliare il contatto umano, l’immersione in una cultura diversa ed il network di amicizie e relazioni che il Programma può offrire. Ancora oggi, l’esperienza americana consente di superare i propri limiti ed ampliare i propri orizzonti ed aiuta tanti giovani ad intraprendere quei percorsi di eccellenza che hanno contraddistinto, e continuano a contraddistinguere, tante personalità del nostro paese nei più diversi campi di attività. L’occasione è stata propizia per presentare le opportunità offerte da Amerigo e scambiarsi idee che possano tradursi in progetti futuri per la nostra Associazione.

A Napoli una conferenza del Procuratore nazionale antimafia

By | Attività dei Chapter, Conferenze e Seminari

Grande successo a Napoli per l’incontro con il Procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, organizzato dal Consolato generale e dal Chapter del Sud Italia dell’Associazione. Un folto pubblico di soci ed altri alumni dei programmi di scambio internazionale del Dipartimento di Stato ha seguito con interesse l’esposizione dell’illustre relatore (anch’egli alumnus) alla quale ha fatto seguito una vivace sessione di domande e risposte. A fare gli onori di casa, il console generale Colombia Barrosse: “Sono particolarmente onorata – ha dichiarato – di ospitare il dottor Roberti, un uomo di Stato votato alla lotta alla crimialità”. L’incontro, moderato da Gianluigi Traettino, coordinatore del Chapter e consigliere delegato per il Mezzogiorno, si è svolto a poco più di una settimana dall’operazione “New Bridge”, coordinata da Fbi e Polizia italiana, che ha portato al fermo di 24 persone a New York legate alla famiglia mafiosa dei Gambino e alle cosche della ’Ndrangheta.

“L’intervento dei giorni scorsi – ha spiegato Roberti – prevede anche il sequestro dei beni per sottrarre ricchezza all’organizzazione criminale. Tutto è avvenuto grazie alla forte collaborazione e trasparenza tra le forze dell’ordine dei nostri Paesi”. Ma c’è ancora molto, moltissimo lavoro da fare. Secondo una risoluzione del Parlamento europeo dello scorso 23 ottobre il giro di soldi accumulati dalla criminalità organizzata criminalità a organizzata è quantificabile in 670 miliardi di euro.

Ma in che modo le cosche incidono concretamente sui costi del mercato? “Innanzitutto sottraendo al fisco una serie di attività – prosegue il procuratore – Poi introducendo nel mercato una serie di asset di provenienza non controllata, che causano disparità concorrenziale”. E poi c’è la corruzione, probabilmente l’aspetto più allarmante e che in Europa muove mediamente un giro di 120 miliardi di euro, l’uno per cento del prodotto interno lordo UE. “In questo caso, purtroppo, l’Italia ha un ruolo di primato: si parla di cifre superano i 60 miliardi. Anche perché la corruzione non è ancora punita a sufficienza nel nostro Paese. Quindi, attraverso bustarelle e spinte, il metodo da sempre preferito da Cosa Nostra, si ottiene il controllo di appalti, di finanziamenti e si altera la concorrenza depauperando l’economia legale. Di fronte a questi numeri non può essere sufficiente la sola repressione”.

Incontro al Caminetto con Alberto Bombassei

By | Attività dei Chapter, Incontri al Caminetto

BombasseiLa competitività del sistema Italia nel mondo ed i nuovi scenari delle relazioni economiche tra Europa e Stati Uniti sono stati al centro dell’Incontro al Caminetto con Alberto Bombassei, Presidente di Brembo e Fondatore e Presidente del Parco Scientifico e Tecnologico Kilometro Rosso organizzato a Roma da Amerigo. Come prevedibile, dato lo stile eclettico dell’ing. Bombassei (che ha recentemente affiancato alla propria ricca esperienza imprenditoriale un’avventura politica in Parlamento), il dibattito è stato stimolato da numerose interessanti suggestioni.Prime tra tutte, i segnali di ottimismo sulla capacità imprenditoriale italiana e sulla passione che deve essere dedicata nel proprio lavoro. «Non è importante quello che si fa» – ha detto Bombassei – «è importante farlo bene e seriamente». E ha aggiunto: «Noi italiani siamo tanto bravi ad esprimere i valori di  gusto e tecnica presenti nel nostro DNA, che ci siamo scoperti in grado di produrre freni non solo a grandi livelli di eccellenza tecnica ma anche belli da guardare!» Tra le riflessioni della serata, quella sull’importanza di riuscire a ragionare in termini di sistema-Paese «Perché i sistemi sono cambiati – ha ricordato Bombassei – e ormai la concorrenza non è più individuale e neanche tra Italia e Germania. È piuttosto tra squadre edè l’Europa che deve fare squadra e deve muoversi come un sistema». Nel corso della lunga ed appassionante conversazione che ha fatto seguito all’introduzione dell’ospite è emersa ancora una volta l’importanza strategica dell’investire nella ricerca e sviluppo in maniera intelligente: puntando su ricerca, formazione e scambi culturali per tornare ad essere competitivi.

Amerigo al Secretary John Kerry’s Forum

By | Attività dei Chapter, Conferenze e Seminari

Si è conclusa giovedì 7 novembre la prima edizione del Forum organizzato dal Dipartimento di Stato Americano (intitolato Secretary John Kerry’s Forum) sul tema della Garanzia Europea per i Giovani (c.d. Youth Guarantee) il programma con cui sostenere l’occupazione giovanile in tutti gli Stati membri attraverso la realizzazione, dal 1 gennaio 2014 ed entro il 2020, di interventi qualitativamente validi a sostegno dell’aumento dell’occupazione per gli under 25 attraverso il proseguimento degli studi, apprendistato o tirocinio entro un periodo di quattro mesidall’inizio della disoccupazione o dall’uscita dal sistema d’istruzione formale.Tra le vari azioni emerse, nella 3 giorni di confronto, ha assunto particolare rilevanza la possibilità di destinare le somme residuali dei fondi europei 2007 – 2013 (che rischierebbero di non essere spesi e restituiti quindi all’Europa) per ridurre il cuneo fiscale abbattendo le tasse sul lavoro.  “L’utilizzo dei fondi europei, fatta eccezione per le somme stanziate a favore degli interventi infrastrutturali, consentirebbe di ridurre la tassazione che grava sulle aziende italiane generando un effetto favorevole sul tema lavoro. La diminuzione, infatti, del peso delle tasse sulle imprese comporterebbe l’incremento delle opportunità economiche e occupazionali per i lavoratori a maggior ragione se giovani” sostengonoi componenti della delegazione italiana, nominata dall’Ambasciata USA a Roma Fabrizio Sammarco Presidente dell’Associazione ItaliaCamp, Roberto Berutti Membro del Consiglio d’indirizzo della Fondazione CRT e socio Amerigo e Gianluigi Trattino imprenditore e vice presidente  per il Mezzogiorno della nostra Associazione . Dai lavori del Forum – organizzato dal Bureau of Educational and Cultural Affairse dall’ufficio Public Diplomacy for Europe and EurAsiapresso la missione degli Stati Uniti d’America nell’Unione Europea in collaborazione con le ambasciate americane di: Belgio, Croazia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Norvegia, Polonia, Romania, Serbia, Spagna e Svezia – è emerso sia ilvalore espresso dalle risorse riprogrammabili del periodo 2007 – 2013 che dai circa 100 miliardi previsti per il prossimo ciclo che andrà dal 2014 – 2020 considerato come la forma più concreta con cui sostenere la critica situazione occupazionale del nostro Paese, con particolare riferimento al tema giovani e Mezzogiorno.

 

 

 

 

 

Un Caminetto sull’energia con il Sen McDowell

By | Attività dei Chapter, Incontri al Caminetto

MCDowellOrganizzato dal “Chapter” di Roma, con la partecipazione di qualificati ospiti esterni, il Sen Harris B. McDowell III (D, Delaware) ha esposto il modello di finanziamento attuato in Delaware per finanziare interventi di miglioramento della efficienza energetica sugli edifici della pubblica amministrazione e delle organizzazioni “no-profit” (in USA sono spesso no-profit ospedali, scuole, comunità…). L’efficienza energetica è considerata “la principale fonte di energia a disposizione” ed ha il vantaggio di generare risparmi invece di costi, e creare occupazione qualificata. Il Delaware ha istituito una utility pubblico-privata “SEU” e adottato legislazione che permette alla PA ed alle no-profit (in USA sono no profit spesso scuole, ospedali, comunità) di assegnare appalti ad ESCO preventivamente selezionate, che per il finanziamento dei lavori emettono un prestito obbligazionario in bond che la banca Citigroup colloca sul NYSE, la borsa di New York. Il prestito viene poi restituito dalla ESCO con gli utili derivanti dal risparmio energetico realizzato. Il modello è stato sviluppato dal Dr. John Byrne Chairman and CEO della “Foundation for Renewable Energy and Environment (FREE)” in coordinamento con il Senatore Harris B. McDowell III (Delaware General Assembly).  Con questo modello ad oggi in Delaware sono stati finanziati 73 milioni di USD di riqualificazioni con ulteriori benefici di 27 milioni di USD per la PA, si è ottenuto un abbattimento delle emissioni climalteranti e la creazione di circa 1.000 nuovi posti di lavoro (che per uno stato di 800 mila persone è significativo). L’emissione di 73 milioni di USD bond sull’efficienza energetica sottoscritta dalla banca Citigroup, un finanziamento privato per la sostenibilità pubblica, vale la pena citare, è stata completamente esaurita in meno di un’ora.  Il fondo obbligazionario è tax-free, lo Stato è soddisfatto per i risparmi di energia primaria e per il “carbon footprint” positivo, per la maggiore competitività/riduzione dei costi della PA e la creazione di nuovi posti di lavoro locali (fornitura di tecnologie e realizzazione di progetti). Nell’incontro il Sen. McDowell ha anche annunciato l’inizio di una collaborazione con l’Assessorato alle Attività Produttive della Regione Emilia-Romagna; è in verifica l’applicabilità del “modello Delaware” in Italia anche a partire da un Pilota in quella Regione.  Risultato importante del Caminetto: la richiesta ad Amerigo di inoltrare rapidamente una nota informativa al “gruppo di contatto di alto livello” organizzato dal Governo per lo “scouting” di nuove proposte di politica energetica.

 

Contraffazione dei marchi e proprietà intellettuale

By | Attività dei Chapter, Conferenze e Seminari

Contraffazione marchiE’ un danno economico quantificabile in 7 miliardi di euro solo nel nostro paese, con una perdita pari a 110 mila posti lavoro, quello prodotto dalla contraffazione dei marchi e il furto di proprietà intellettuale che è stato il tema del convegno Hold it real, organizzato stamani a Palazzo Strozzi Sacrati dall’associazione Amerigo in collaborazione con con la Camera di Commercio e il contributo della Banca CR di Firenze. Il convegno è stato presieduto dal segretario generale dell’Associazione Amerigo, Massimo Cugusi, ed aperto dalla relazione di Angelo Mazza, presidente dello Iacc, fondazione internazionale contro la contraffazione, secondo cui per proteggere la proprietà intellettuale serve una visione globale, e non soffermarsi su un singolo territorio o paese.
“Un pesante risvolto economico, ma anche l’attacco ad un patrimonio culturale – ha affermato nel suo saluto l’assessore alla cultura, al turismo e al commercio Cristina Scaletti, che rappresentava la Regione – perché tocca la capacità di creazione quanto il lavoro e la produzione, tutti elementi che formano la ricchezza del nostro territotio in particolare, ma anche di tutto il Paese. Non ha competenze specifiche da un punto di vista normativo, la Regione; nonostante questo partecipiamo attivamente insieme a molti altri soggetti, tra i quali voglio citare in particolare le Forze dell’ordine e le associazioni delle imprese e dei consumatori, all’Osservatorio anticontraffazione istituito già nel 2005 presso la Camera di commercio di Firenze. Ritengo infatti indispensabile un approccio al problema che coinvolga la filiera produttiva, ma anche capace di confrontarsi con efficacia rispetto ad un fenomeno culturale alimentato da abitudini che vanno combattute. Nella piena consapevolezza che parliamo di interventi a livello multinazionale. Abbiamo un gran lavoro da fare davanti a noi, e la Regione Toscana è pronta a fare la sua parte”.
Da parte sua il console Usa a Firenze Sarah C. Morrison ha voluto sottolineare che gli Stati Uniti sono ormai fuori dalla fase solitaria della difesa del copyright: “Oggi c’è coscienza che il fronte è comune e globalizzato”. Al contempo non ha mancato di sottolineare la permanenza di una “tolleranza sbagliata che in Italia consente legami con la criminalità organizzata”. A giudizio del console, è necessario stabilire regole comuni contro la pirateria, che è indispensabile costruire però sulla credibilità del sistema industriale ed economico. Purtroppo, ha sottolineato, l’Italia si posiziona solo al 47mo nella difesa della proprietà intellettuale. “Occorre al contrario investire sulla crescita anche qui, uscendo dal senso di sfiducia e garantendo la tutela dei diritti di proprietà intellettuale” magari giungendo, ha concluso, ad una normativa internazionale e condivisa per la tutela dei prodotti. Molti i riferimenti alla Cina e ai suoi immensi mercati, cui ha cercato di dare risposta Jun Wei, dello studio legale di consulenze internazionali Hogan Lovells. A suo parere, anche la Cina ha superato la fase selvaggia e vuole inserirsi nella comunità internazionale a pieno titolo, comprendendo che la globalità del problema impone una armonizzazione attraverso regole riconosciute a livello complessivo. Approccio condiviso da Alessio Gramolati, segretario regionale della Cgil, secondo cui “occorre procedere attraverso un apporto sistemico rispetto al quale nessuno può tirarsi indietro”. Purchè, aggiunge con particolare riferimento all’Italia e alla Toscana, “si tuteli chi decide di investire, altrimenti rimarremo ancora bloccati nella contrazione di consumi e di produzione”. Dati di tutela confermati nell’intervento del comandante della Guardia di Finanza per la Toscana Giuseppe Vicanolo: in Toscana negli ultimi 5 anni ci sono stati 90 milioni di prodotti irregolari tolti dal mercato rispetto ai 38 del quadriennio precedente, con un netto rafforzamento dell’azione di contrasto. 3 mila le persone denunciate, di cui 1200 italiani, 800 cinesi e 800 senegalesi. Interventi che dimostrano secondo il comandante Vivanolo che quello della contraffazione non è solo un fenomeno di etnia cinese, ma in cui vediamo gli italiani in prima fila.

Politica ed istituzioni italiane a confronto con i guru del web di Obama

By | Attività dei Chapter, Conferenze e Seminari

slaby_severgniniLunedì 23 settembre nella splendida sala del Grechetto della Biblioteca Sormani di Milano Amerigo e il Consolato americano di Milano hanno portato più di 50 politici, docenti universitari, giornalisti e comunicatori a confrontarsi con il web dream team di Obama, Michael Slaby e Betsy Hoover.  Introdotti dal Console di Milano Scott, dal Direttore della Sormani Aldo Rivolta e dal responsabile del Chapter di Milano di Amerigo Marco Marturano è stata una mattinata straordinariamente illuminante su realtà concrete e prospettive dell’uso del web per la politica e le istituzioni.  Il moderatore Beppe Severgnini ha saputo guidare il chief technology officer della campagna di Obama 2012 MIchael Slaby e la Director Digital Organizing Betsy Hoover sia sul terreno della narrazione dei segreti della comunicazione web di Obama che su quello dei confronti con le possibili interazioni con il nostro sistema politico.  E le tante domande poste dal pubblico (tra i quali possiamo citare per esempio il responsabile web del Pdl/Forza Italia, l’on. Antonio Palmieri, e il segretario regionale e capogruppo in regione del PD Alessandro Alfieri) hanno consentito ancora di più di entrare nel merito di una comunicazione politica fatta di integrazione totale tra i diversi strumenti on line e off line e di un attento lavoro di costruzione di comunità e di raccolta fondi fortemente spinto sulla segmentazione dei pubblici.  Tra l’esperienza italiana e quella americana sono emersi notevoli punti di contatto tutti da sviluppare nei prossimi anni.

 

I parlamentari italiani incontrano Facebook

By | Attività dei Chapter, Conferenze e Seminari

SAMCosa vuol dire creare e mantenere una leadership politica nell’era dei social media? Quali sono le migliori esperienze internazionali dalle quali imparare come si crea e si mantiene valore nella relazione tra elettori ed eletti tramite un uso adeguato di Facebook? Come si possono affrontare le questioni più scottanti sul tappeto come tutela della privacy e diritto alla sicurezza in realtà locali estremamente diverse l’una dall’altra. Su questi ed altri temi di grande attualità Amerigo e l’Ambasciata americana hanno organizzato una conversazione di grande interesse tra un gruppo di parlamentari di tutti gli schieramenti politici ed Elizabeth Linder, Politics and Government Specialist di Facebook per l’Europa il Medio Oriente e l’Africa in questi giorni in visita a Roma. dalla discussione intorno al tema The Interplay of Social Media and Leadership in the 21st Century sono emerse diverse sensibilità ed esperienze maturate dai numerosi parlamentari presenti ma un comune interesse ad approfondire i temi della comunicazione politica sui media digitali per migliorare, specie attraverso i social, il proprio rapporto con l’elettorato. Coordinato da Elizabeth McKay, Ministro Consigliere per gli Affari Pubblici presso l’Ambasciata e da Vito Cozzoli, Presidente di Amerigo l’incontro è stata anche l’occasione per la presentazione in anteprima ai parlamentari presenti del numero zero di Amerigo Magazine, la pubblicazione trimestrale della State Alumni Community in Italia edita da Amerigo.

We the People – A Roma un Caminetto sulla democrazia americana

By | Attività dei Chapter, Incontri al Caminetto

Si è svolto con successo e ampia partecipazione l’incontro al Caminetto sul tema “We the People. Libertà, democrazia e istituzioni nel modello americano”. L’evento, il primo promosso dal nuovo Direttivo di Amerigo, si è svolto presso la Sala Rossa dell’Hotel Boscolo Aleph di Roma e ha visto la partecipazione di Dante Figueroa, Senior Legal Analyst della Law Library of Congress ed Adjunct Professor presso l’American University-Washington College of Law e il Law Center della Georgetown University.  Studioso di diritto costituzionale comparato ed esperto, in particolare, dell’attività legislativa italiana – tanto da fornire supporto tecnico ai parlamentari americani – il Prof. Figueroa ha disquisito sui valori che accomunano i sistemi costituzionali di Italia e Stati Uniti. In entrami i paesi, infatti, libertà e democrazia, rappresentatività ed equilibrio costituzionale sorreggono la struttura e ispirano le dinamiche tipiche delle repubbliche democratiche. Figueroa ha offerto ai presenti anche un’interessante interpretazione del rapporto libertà-autorità: il sistema normativo rappresenta, infatti, la migliore garanzia per la tutela dei diritti e delle libertà costituzionalmente sanciti, così come la solidarietà fra cives ne perfeziona espressione e godimento. L’evento è stato, infine, animato dalle domande dei soci e degli Amici di Amerigo, interessati ad approfondire, in senso comparativo, temi come il sistema della divisione dei poteri, il modello tipicamente americano di checks and balances, la legislazione sull’emigrazione e i diritti statali nel complesso sistema giuridico americano.